Famiglia Borghi Ignis

Famiglia Borghi Ignis-Guido Moro (1883-1957), architetto milanese, e sua moglie Maria Moro (1886-1963), di cui era il terzo di quattro figli, lo ebbero il 14 settembre 1910 a Milano.

Terminati gli studi elementari, inizia a lavorare come apprendista nell’officina elettromeccanica del padre nell’isola, dove raggiunge i fratelli Gaetano (1907-1978) e Giuseppe (1907-1978) anch’essi apprendisti (1915-1954).

Fortemente interessato alla musica, torna nell’ufficio del direttore della fotografia per suonare il pianoforte in sottofondo alla produzione del film.

Nell’agosto del 1943 il laboratorio della famiglia Borghi fu distrutto dai bombardamenti su Milano, costringendo la famiglia a trasferirsi a Comerio, in provincia di Varese, che era più lontana dall’originaria sede.

In questa località il padre fonda una nuova azienda, la Guido Borghi & Figli, specializzata nella produzione di mobili da cucina elettrici, completando inizialmente solo l’assemblaggio dei vari componenti.

Borghi, arruolato nell’esercito italiano con l’ingresso del paese nella seconda guerra mondiale, fu di stanza a Bergamo e reso invalido da un’ulcera. In tal modo, evitò di essere inviato in Unione Sovietica e la possibilità di essere congestionato.

In seguito assiste il padre nella gestione dell’attività di famiglia, che nel 1944 prende il nome di Officine elettrodomestiche Ignis di Guido Borghi e figli e prende il nome di Ignis. L’azienda, che all’epoca contava solo cinque dipendenti, ha riscosso un notevole successo commerciale ed è cresciuta rapidamente.

Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, la Ignis Corporation cresce, diventando tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60 il secondo produttore di elettrodomestici degli Stati Uniti. È anche una delle più grandi aziende europee del settore all’inizio degli anni ’60.

Il successo di Ignis si è costruito attorno a un unico prodotto, il frigorifero: Borghi aveva focalizzato l’attenzione della sua azienda su questo particolare elettrodomestico sin dalla sua fondazione nel 1950, quando fondò la SIRI – Società Industriale Refrigeranti Ignis S.p.A. con sede e stabilimento produttivo a Gavirate.

Oltre ad acquistare duecento frigoriferi di vari produttori e da tutto il mondo, li ha anche montati per analizzarne limiti e difetti. A seguito dell’inizio della produzione di frigoriferi, il padre Guido ei figli Gaetano e Giuseppe erano scettici, ritenendo che la tecnologia avesse raggiunto i suoi limiti, soprattutto in termini di tempo di assorbimento.

Famiglia Borghi Ignis
Famiglia Borghi Ignis

Nel 1953, l’azienda ha iniziato a produrre frigoriferi a compressore a seguito di una partnership con l’azienda danese Danfoss, licenziataria della Tecumseh Corporation con sede negli Stati Uniti, che ha dimostrato l’affidabilità dell’azienda in termini di prestazioni.

Negli anni successivi, la famiglia Borghi divenne più forte e potente, fino a diventare l’unico e indiscusso capo degli Igni. I fratelli Giuseppe e Gaetano morirono rispettivamente nel 1954 e nel 1957, ed il fratello minore Gaetano si staccò dall’azienda di famiglia e nel 1963 fondò la propria impresa, pur mantenendo i legami commerciali con l’azienda Comerio.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *